lunedì 21 marzo 2016

Inhale the future, exhale the past

E' passato un anno dal mio arrivo qui a Zurigo. Già un anno. Mi sembra ieri di essere arrivata a Zurich HB, un po' spaesata e molto emozionata. 
Sì, è stato un anno complesso ma uno di quelli che non si dimenticano facilmente e che soprattutto rivivrei in ogni suo attimo, dalle prime giornate passate alla scoperta della nuova città alla prima lezione del corso di tedesco. 
E' stato un anno che mi ha dato tanto e cambiato molto. E' stato la spinta a ricercare quel cambiamento di cui avevo davvero bisogno da troppo tempo. Cambiare città e paese non mi ha regalato solo posti nuovi da scoprire e nuove amiche, ma soprattutto mi ha aiutato a lavorare su me stessa. Un lavoro lento e faticoso e decisamente ancora non terminato ma che mi ha portato pian piano a fare pulizia del troppo che mi trascinavo da un sacco di tempo. Ci sto ancora lavorando, ma ora riuscire a dire di no mi sembra un po' più facile. Alzarmi alle 6 del mattino non è più una cosa che mi terrorizza al solo pensiero, ma un'abitudine ormai acquisita. Così come praticare yoga quasi ogni giorno, non è più un miraggio, ma un momento della mia quotidianità, un modo per concedere del tempo a me stessa assecondando i miei tempi e le mie necessità, dimenticando almeno per un po' tutte le scandenze e le to-do-list che affollano l'agenda. In questo anno ho imparato a lasciare andare, a fare pulizia, a prendere le distanze da situazioni squilibrate. Ho ritrovato stimoli e voglia di fare, voglia di crescere e di mettermi alla prova. Ho ritrovato costanza e determinazione. Ho imparato ad accettare quello che bussa alla mia porta senza tirarmi indietro sentendomi sempre inadeguata. 

E' stato un anno bellissimo e pieno di tante cose. Il secondo? Sono sicura che sarà anche meglio!


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...