mercoledì 11 marzo 2015

Wedding photographer: Leonora e Dario Mazzoli - Fotostudio LD4

Il potere di una fotografia è per me qualcosa di incredibile e di inspiegabile a parole. Una foto cattura per sempre momenti ed emozioni, volti e sorrisi, tenerezze e sguardi. In un mondo in cui tutto è in divenire la fotografia ha un compito importantissimo: fermare il tempo. Nella vita di tutti giorni o nei momenti speciali, come un matrimonio. Ecco perché amo tanto questo piccolo spazio in cui ogni mese un fotografo si racconta e ci racconta almeno un pochino il suo mondo, con immagini e parole. Le bellissime immagini di oggi sono di Leonora e Dario Mazzoli, moglie e marito che dal 2008 condividono anche lavoro e passione nel loro Fotostudio LD4.  



Che cos’è per te la fotografia?

La fotografia è un mezzo espressivo che si fonda su creatività e comunicazione, in grado di richiamare alla mente e nel cuore infiniti ricordi ed emozioni del passato, far pensare al presente e sognare il futuro. Ritengo che fotografi si nasca. È un talento naturale che deve comunque essere coltivato, anche attraverso lo studio, sebbene la scuola migliore credo fermamente sia l'esperienza diretta e l’incontro con chi ti può trasmettere parte delle sue competenze e del suo bagaglio culturale. La composizione, la luce, il soggetto - la fotografia insomma - la vedi o non la vedi - è una cosa che non si può imparare senza averla già nel DNA.


Quali sono gli elementi che caratterizzano il tuo stile? Come sei arrivata alla fotografia di matrimonio e cosa ami di più di questo tipo di fotografia.

Personalizzo ogni servizio in base ai gusti e alle aspettative degli sposi o del wedding planner. Generalmente propongo un servizio in stile reportage, senza pose costruite. Tuttavia, se gli sposi sono d’accordo, in presenza di una location o luce particolare, amo scattare qualche foto artistica in posa.
L’esperienza maturata dalla gestione di centinaia di servizi fotografici e avere vissuto personalmente gli eventi che raccontano mi permettono di comprendere meglio le esigenze dei nostri clienti e soddisfarle, trasformando i momenti trascorsi davanti all’obiettivo in un’esperienza informale e divertente. Curo in prima persona la grafica e l’impaginazione degli art book fotografici, ricercando design esclusivi e personalizzati, abbinando tradizione e modernità, raccontando il matrimonio in modo semplice e autentico.
La passione che nutro da sempre per l’arte, la fotografia, il cinema e la letteratura mi aiuta a rendere ogni nostro progetto unico ed originale, denso di significato, allo scopo di stupire ed emozionare sempre i nostri clienti. La mia innata curiosità e la costante ricerca della novità mi permettono di scoprire nuovi orizzonti, essere sempre al passo con le ultime tendenze del settore e sperimentare nuove idee. Il mio lavoro rispecchia in fondo il mio essere una persona ottimista, positiva e amante della vita, capace di sorridere sempre, o quasi – ritraggo i momenti più belli di una persona, il matrimonio, la maternità, l'infanzia.  È un lavoro che dà molte soddisfazioni se fatto con passione e professionalità.




Quali sono per te le caratteristiche che deve avere un buon fotografo di matrimoni?


Il fotografo di matrimonio deve essere innanzitutto una persona socievole, carismatica ma discreta, abile nel creare empatia con gli sposi e trasmettere loro tranquillità, capace di gestire le loro emozioni, nonché di lavorare in un team, perché quel giorno non è l’unico a rapportarsi con la coppia.  Il suo obbiettivo deve essere la buona riuscita dell’evento in generale. La scelta di un buon fotografo si rivela importante sia per gli sposi, sia per i wedding planner, perché il frutto del suo lavoro è l’unica cosa che rimane nel tempo e perché delle belle foto non emozioneranno soltanto marito e moglie, ma serviranno anche a trasmettere la bravura degli altri fornitori nel concepire, allestire, realizzare e coordinare l’evento.  Per emozionare, la fotografia, oltre alle giuste espressioni, deve avere anche la luce corretta. Questa è la difficoltà più grande in un servizio matrimoniale, perché il tempo è sempre tiranno e le condizioni sempre diverse. Un altro aspetto molto importante è saper improvvisare e risolvere velocemente ogni problema che possa presentarsi, senza creare preoccupazioni e mantenendo la calma. Occorre rapidità tanto nelle scelte, quanto negli scatti per non tediare gli sposi con ore di shooting. Oltre a conoscere la propria attrezzatura e i limiti della fotografia, altrettanto fondamentale è la volontà di ricercare costantemente scatti originali e sempre diversi per non essere ripetitivi, esprimendo al contempo un proprio stile facilmente riconoscibile. 






Un consiglio che ti senti di dare ai futuri sposi che si trovano alle prese con la scelta del fotografo

Il primo consiglio è scegliere un fotografo specializzato in matrimoni. Documentare un matrimonio non è da tutti. La fotografia deve suscitare in chi la osserva delle emozioni, ovvero la prima cosa che deve essere trasmessa da un’immagine. Per non avere strane sorprese, non fidatevi solo di alcune immagini che vi colpiscono, ma chiedete vi venga mostrato un servizio matrimoniale vero e completo, di almeno un centinaio di immagini che raccontano tutta la giornata degli sposi, dai preparativi alla festa. 
Photos: Leonora e Dario Mazzoli

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...